In Cina, è stato venduto un bimbo in cambio di un iPhone!

Due ragazzi cinesi, un diciannovenne e la sua fidanzata ancora minorenne, hanno trovato un acquirente per la propria figlia tramite un’app chiamata QQ.

Purtoppo in alcune zone della Cina il commercio dei neonati è legale anche se attualmente il governo sta facendo di tutto per fermare questo tipo di scambi.

smartphone-bambini-informatblogI due giovani erano in difficoltà economica, ed il ragazzo ha deciso di mettere in vendita la figlia su QQ, proprio come se fosse un oggetto in vendita su eBay. Un uomo ha offerto 3.500 dollari e i due ragazzi hanno accettato. Con quei soldi, la coppia ha acquistato un iPhone e una moto.

Il padre è stato condannato a tre anni e mezzo di carcere, mentre la madre ha avuto una condanna di due anni e mezzo con condizionale.

La bambina resterà nella famiglia acquirente dato che:

i genitori naturali non sono nelle condizioni economiche e psichiche per crescerla