Zootropolis

Zootropolis è ambientato nell’omonima città, una moderna metropoli molto diversa da qualsiasi altro luogo. Composta da quartieri differenti tra di loro come l’elegante Sahara Square e la gelida Tundratown, Zootropolis accoglie animali di ogni tipo. Dal gigantesco elefante al minuscolo toporagno, in questa città tutti vivono insieme serenamente, a prescindere dalla razza a cui appartengono.

zootropolis-nuovo-trailer-italiano-e-locandine-del-film-danimazione-disney-4Ma al suo arrivo in città, la simpatica e gentile agente Judy Hopps, scopre che la vita di una coniglietta all’interno di un corpo di polizia dominato da animali grandi e grossi, non è affatto facile. Decisa comunque a dimostrare il suo valore, Judy si lancia nella risoluzione di un caso misterioso per cui dovrà lavorare al fianco di una volpe loquace e truffaldina di nome Nick Wilde.

RECENSIONE

Questo cartone animato va a toccare molti aspetti come l’uso della paura come strumento di governo e molti temi che, secondo me, dovrebbero essere d’esempio a tutti ovvero il fatto che ognuno di noi ha un valore, quindi non è inutile ma siamo tutti allo stesso livello e, come dice il proverbio VOLERE  E’ POTERE. L’applicazione di questo proverbio possiamo notarlo in Judy dato che la coniglietta si vede convinta a “non mollare mai“, dato che nessuno può dirle ciò che può essere e non essere, ciò che può e non può fare.

La combinazione perfetta nei personaggi del film è l’accoppiata Judy e Nick, sia nella caratterizzazione di molte  specie animali, fra cui spiccano i bradipi impiegati alla motorizzazione (a riprova che la burocrazia è quella che è, basti vedere il trailer), l’equino hippie, il classico roditore che cita il Padrino, il bufalo capitano di polizia, la donnola che vende cd pirata, i lupi che ululano volontariamente, i cani pronti ad attaccare ogni loro simile di passaggio, l’elefantessa maestra di yoga, il leone sindaco, la gazzella superstar stile Shakira. Se notiamo bene ogni professione svolta nel cartone, risulta perfettamente assimilata da un animale specifico (i bradipi nella burocrazia a dimostrazione della lentezza, la contraddizione dell’elefantessa maestra di yoga, il leone dotato di astuzia e furbizia come sindaco, ecc…)zootropolis

Tutti indossano abiti umani, che camminano tranquillamente, utilizzando smartphone (con logo simil Apple), comunicano via Skype e scaricano App in poche parole utilizzano lo smartphone come noi. Ciò ci insegna che anche l’animale più “duro e testardo” non condividerebbe mai il nostro stile di vita. FILM DAVVERO CONSIGLIATO E RICCO DI SIGNIFICATI

VOTO: 9