Agrestic, California. In seguito alla morte improvvisa di suo marito Judah, Nancy Botwin (Mary-Louise Parker) decide di intraprendere l’attività di spacciatrice di marijuana per mantenere un agiato tenore di vita ed assicurare una buona istruzione ai suoi due figli Silas (Hunter Parrish) e Shane (Alexander Gould). Nancy rimane sorpresa per il grande consumo di erba nella ricca area residenziale in cui vive con la sua famiglia che comprende anche suo cognato Andy (Justin Kirk), fratello del suo defunto marito, e Lupita, la domestica scansafatiche di origini ispaniche. Ad Agrestic vivono inoltre il ragioniere di Nancy, Doug Wilson (Kevin Nealon), l’avvocato Dean Hodes (Andy Milder) con sua moglie Celia (Elizabeth Perkins) e sua figlia Isabelle (Allie Grant) , ed i suoi fornitori di marijuana Heylia, Conrad e Vaneeta.

Ben presto Nancy si trova a dover affrontare i rischi e pericoli che il suo mestiere comporta e dopo aver scoperto che il suo nuovo compagno Peter Scottson (Martin Donovan) è un agente della DEA decide di lasciarlo. Lui la informa di sapere tutto sulla sua attività, così i due decidono di sposarsi segretamente in modo che Peter non possa testimoniare contro di lei. Nancy e Conrad ampliano l’attività costruendo una serra e iniziando a coltivare erba e per questo si scontrano ineluttabilmente con i produttori locali di marijuana. Nancy confida al suo amico e socio di non provare alcun sentimento per Peter, ma di stare con lui solo per interesse. L’agente Scottson, una volta scoperto il tradimento, ricatta i due intimandoli di vendere tutta la loro roba e dargli il ricavato per non essere arrestati. Le cose precipitano quando Nancy si trova nel mezzo di uno scontro tra bande: Peter viene assassinato da uno dei gruppi mafiosi ed in seguito ad una serie di sfortunate coincidenze la donna si trova costretta a dover lavorare per U-Turn (Page Kennedy), spacciatore di droga e capo di una gang. Con la morte di quest’ultimo, Nancy finalmente libera trova protezione presso Guillermo García Gómez (Guillermo Dìaz), con cui si mette in affari. Egli per aiutarla a eliminare la concorrenza provoca un incendio che distrugge la cittadina di Agrestic.

In seguito all’incendio Nancy con la sua famiglia è costretta a scappare, così si trasferiscono a Ren Mar a casa del suocero di lei. Guillermo le affida un negozio di articoli premaman che gestisce insieme alla sua nemica/amica Celia e che è in realtà una copertura per un tunnel utilizzato per il traffico di marijuana tra la California e il Messico. Stanca della monotonia del suo lavoro come commessa ed in seguito al rifiuto di Guillermo, Nancy si mette in affari con Esteban Reyes (Demián Bichir), capo del Cartello messicano e sindaco di Tijuana. Con lui la donna inizia anche una relazione sentimentale. Una volta scoperto che il tunnel veniva utilizzato anche per il traffico d’armi e di giovani prostitute ed in preda a sensi di colpa, Nancy decide di fare una soffiata alla DEA e Guillermo ed altri membri del clan vengono arrestati dai federali. La donna riesce ad evitare la vendetta da parte di Eisteban solo perché si scopre incinta. Dopo il matrimonio e la nascita del loro figlio Steven Ray la tranquillità di Nancy è ostacolata da Pilar Zuazo, una leader politica molto influente che non vede di buon occhio l’unione di Esteban con una donna non messicana. Quando questa minaccia Nancy di uccidere i suoi figli Shane la colpisce mortalmente con una mazza da cricket.

Nancy e la sua famiglia si danno nuovamente alla fuga e compiono un viaggio ‘on the road’ per gli States inseguiti da Esteban che rivuole indietro suo figlio e dall’FBI che sta cercando di fare luce sull’omicidio di Pilar Zuazo. Quando i Botwin stanno per abbandonare il paese Esteban riesce a raggiungerli in aeroporto fermando Nancy e Stevie mentre Andy, Silas, Shane e Doug si imbarcano su un volo per Copenaghen. Per sfuggire ad una morte certa per mano di Estaban la donna si costituisce all’FBI per l’omicidio di Pilar facendo arrestare anche suo marito (che morirà in carcere per mano di un altro detenuto).

Dopo tre anni dal suo arresto Nancy viene rilasciata sulla parola per buona condotta e trova difficoltà a reintegrarsi nella società e a trovare un lavoro. Si trova inoltre a dover lottare con sua sorella Jill Price-Gray (Jennifer Jason Leigh) per la custodia del piccolo Stevie che ora ha quattro anni. Riesce in seguito ad ottenere una stabilità economica ed emotiva, quando si rimette in affari con Heylia per lo spaccio di marijuana, e raggiunge un compromesso con Jill per la custodia di suo figlio. Quando sembra che tutto le stia andando per il verso giusto, Tim Scottson (figlio del suo secondo marito Peter Scottson) spara a Nancy, ritenendola responsabile della morte di suo padre. Nancy sopravvive allo sparo e dopo un lungo periodo di riabilitazione la donna è pronta a ripartire da zero e a cambiare vita. Un’altra volta troviamo la donna coinvolta nella vendita di marijuana ma ora legalmente, per una azienda farmaceutica. In seguito la donna, intuito che la nuova frontiera della vendita del tabacco e delle sigarette è appunto la marijuana ed intuito che la legalizzazione della pianta è prossima, decide di investire il suo denaro in questa direzione chiedendo l’aiuto di Guillermo, ormai uscito di prigione, e di Conrad che si sta per sposare.

Il finale della serie è ambientato in un futuro prossimo non meglio definito (a circa otto anni di distanza). Nancy è ora una donna di successo che ha fatto fortuna grazie alla legalizzazione della marijuana ed è proprietaria di una catena di circa 50 negozi. Si viene a sapere che è stata sposata con David Bloom (David Julian Hirsh), il rabbino suo vicino di casa, e che è rimasta nuovamente vedova in quanto egli è morto in un incidente stradale. In occasione del Bar mitzvah di Stevie la sua famiglia e gli amici si riuniscono per festeggiare. Silas è un coltivatore di marijuana, ha una figlia ed è sposato con Megan (Shoshannah Stern) la quale nutre ostilità nei confronti di Nancy e le impedisce di avvicinarsi a sua nipote. Shane è un poliziotto con problemi di alcolismo e viene convinto da sua madre ad entrare in riabilitazione. Andy, trovato il coraggio di allontanarsi definitivamente da Nancy, si è fatto una nuova vita a Ren Mar, dove ha avuto una figlia e possiede un ristorante. Stevie, venuto a conoscenza della vera identità di suo padre da parte di Guillermo, abbandona l’ebraismo e decide di partire per il College riconoscendo in Nancy la figura più importante della sua vita. Dean vive in una barca, sua figlia Isabelle che ha cambiato sesso si fa chiamare Bruce e Doug che ha fondato una religione di cui è il capo spirituale si riappacifica con suo figlio Josh (Justin Chatwin). Dopo un’esitazione iniziale Nancy decide di vendere la sua impresa a Starbucks. Si ritrova sola ma allo stesso tempo libera da qualsiasi legame e pronta a scoprire cosa la vita ha in serbo ora per lei.

Nell’ultimissima scena Nancy, Doug, Silas, Shane ed Andy si ritrovano fuori dall’abitazione sotto la neve e fumano insieme ridendo senza un preciso motivo.

RECENSIONE

Sicuramente una serie molto ma molto soft senza troppe pretese, molto carina che alla fine coinvolge e prende molto lo spettatore.

Buona la trama e la sceneggiatura. Buona la scelta da parte del regista di integrare nei primi minuti una specie di sunto dell’episodio precedente in modo da permettere allo spettatore di guardare la serie anche un episodio ogni tanto, senza ovviamente rivedersi magari una parte dell’episodio precedente per capire dove era arrivato. 

La durata di ogni episodio è di circa 30 minuti per un totale di 5 serie da circa 10 episodi.

Consigliata come serie per intrattenersi divertendosi