La serie segue le vicende di alcuni personaggi tra politici, criminali e persone comuni, che rimangono coinvolti negli affari malavitosi della città di Roma.

Ottobre 2008: dopo l’annuncio delle dimissioni da parte del sindaco di Roma, il criminale noto come Samurai ha solo 21 giorni per terminare l’acquisto di alcuni terreni del lungomare di Ostia e far approvare alcuni piani edilizi dal comune. Tali terreni sono infatti nelle mire delle mafie del sud Italia, che vogliono costruirvi un ‘porto’ utile al traffico di droga (principale attività delle famiglie di Aureliano e Spadino) e cominciare a fare affari nella capitale.

Aureliano vive con il padre, che mal sopporta, e con la sorella Livia, e sogna di costruire uno chalet sui terreni di Ostia di appartenenza della madre, morta molti anni prima. La famiglia Adami si oppone fermamente al progetto di Aureliano; infatti sia Livia che il padre non informano Aureliano del progetto in porto. Spadino appartiene ad una famiglia di etnia sinti. Nonostante sia omosessuale, viene costretto a sposare una ragazza tramite un matrimonio combinato organizzato dal fratello maggiore e dalla madre. È disinteressato completamente alle attività criminali organizzate dalla sua comunità e non accetta il ruolo attributogli dalla famiglia. Entrambi fanno parte di due famiglie nemiche nelle quali non hanno spazio per realizzarsi, pur diventando amici durante lo svolgimento della serie.

Gabriele sembra il classico bravo ragazzo, è il figlio di un poliziotto. Vive con il padre, ma all’insaputa di questi si destreggia tra l’università e lo spaccio di cocaina, rifornendo tutte le feste della Roma benestante, durante le quali in genere partecipano personalità politiche, clericali e criminali. Egli viene usato come pedina da Samurai per i suoi interessi. Sara è un revisore di conti spregiudicata, lavora in Vaticano e insieme al marito gestisce una società interessata ai terreni di Ostia, mirati da Samurai. Amedeo Cinaglia è invece un politico, consigliere comunale del comune di Roma, onesto e idealista, sente fortemente il senso di dovere nei confronti dell’elettore ma è pieno di rancore nei confronti del partito in cui non si sente rappresentato, anzi sottovalutato nonostante il suo lavoro in commissione e la sua integrità. Vive un conflitto interno legato alla sua morale, ma sarà costretto a scendere a compromessi con Samurai per raggiungere i suoi obiettivi, passando dall’altra parte. Entrambi sono coinvolti loro malgrado nell’affare dei terreni di Ostia, la prima come antagonista di Samurai, l’altro come pedina.

RECENSIONE

La serie Italiana sugli affari di Ostia è finalmente, da qualche mese, su questa piattaforma.

La serie è davvero ben fatta e posso dire che è una delle migliori serie italiane mai viste prima. Anche i discorsi in dialetto sono comprensibili facilmente senza sottotitoli, non come in Gomorra.

La serie segue un ottimo filo logico e coinvolge lo spettatore al massimo facendogli divorare tutta la stagione (in quanto per ora ce n’è solo una) in pochissimo tempo.