Ecco svelate alcune curiosità sulla creazione di iPod e iPhone!

Tony Fadell ha lavorato diversi anni per Apple ed è stato uno dei principali artefici del primo iPod e del primo iPhone. Ecco svelate alcune curiosità su questi prodotti:

tony-fadell-ipod-google-630x417

iPod

Il mercato era pieno di spazzatura. Io avevo quasi perso il lavoro e venivamo dalla storia della General Magic. Si parlava di lettori musicali e io avevo in mente quello che stava accadendo alla Philips. Mi rivolsi a Steve e gli dissi: “Siamo in grado di realizzare qualsiasi cosa, abbiamo abbastanza tempo e denaro. Ma come si può garantire che questo prodotto venderà? Guarda Sony. Hanno tutto ciò che serve e tutte le competenze nel mondo audio. Come possiamo competere con loro?”, Steve mi guardò e disse: “Tu fallo, e ti garantisco che userà ogni dollaro che ho per promuovere il prodotto. Sono pronto a far morire di fame il Mac per raggiungere il nostro scopo. Fai quello che vuoi”.

Steve era molto appassionato a questo prodotto, che poco dopo fu presentato al pubblico come “iPod”.

iTunes per Windows

Inizialmente, Jobs non voleva introdurre il supporto all’iPod su PC, perché vedeva il nostro lettore musicale come un modo per attrarre nuove persone nel mondo Mac. Malgrado questo, lavorai con il mio team per realizzare il porting di iTunes su PC, perchè pensavo che in questo modo tante persone che non conoscevano Apple potevano capire di che pasta eravamo fatti utilizzando l’iPod. I miei sforzi furono vani, perchè Steve era inamovibile. Chi riuscì a convincerlo fu Walt Mossberg, un giornalista che Jobs apprezzava tantissimo e che allora lavorava al Wall Stret Journal. Alla fine, Jobs ci diede l’OK e realizzammo la versione PC di iTunes, con relativo supporto all’iPod. Alla fine, mai mossa fu più azzeccata…

iphoneipodiPhone

Inizialmente era un iPod con un modulo telefonico al suo interno. I numeri si potevano selezionare con la ghiera e l’interfaccia era praticamente la stessa del nostro lettore MP3. Comporre un numero era uno strazio. Sapevamo che non avrebbe mai funzionato e provammo di tutto. Abbiamo lavorato per otto mesi solo per capire come migliorare l’usabilità del prodotto. Il risultato finale è stato il display touchscreen, di cui Apple aveva già competenze per aver provato a realizzarlo su una versione speciale del Mac.

In totale, ci sono voluti quasi 3 anni per realizzare il primo iPhone.