Curiosity – Playstation [TOP 5]

Benvenuti in una nuovissima serie di Curiosity TOP 5, ovvero la serie settimanale pubblicata OGNI MERCOLEDI ALLE 15.30 su www.leonardoverona.it

Per contatti, consigli e altro riguardante questa serie: curiosity@leonardoverona.it

https://www.facebook.com/leonardoveronaswebsite/


  1. Nintendo non volendo rimanere indietro nella concorrenza, all’inizio degli anni 90 commissionò a Sony una periferica Nintendo capace di leggere i CD Rom. Nel 1991 il CEO Nintendo lesse accuratamente il contratto tra le due aziende e notò che la Sony avrebbe avuto il pieno controllo dei titoli pubblicati per questa nuova periferica, non essendo più d’accordo su questo fatto si ruppe il legame. Sony non riuscì a collaborare con SEGA, ma riuscì a collaborare con Philips, creando la prima PlayStation
  2. Il famoso calo del prezzo della PlayStation 3 stupì davvero tutti. Questo calo fu dovuto tendenzialmente allo spam, dove una mail di spam faceva riferimento ad un calo dei prezzi in Nigeria della Playstation 3. Questo fatto fu ritenuto, date le numerose polemiche, un fatto totalmente razzista. Per questo motivo Sony si sentì quasi costretta ad abbassare il prezzo in ogni paese. Anche se PlayStation 3 ha portato a Sony più di 3 miliardi di debiti, è grazie a queste consolle che Sony viaggia a gonfie vele nel mercato
  3. Il titolo più venduto della PlayStation 1 è Gran Turismo con ben 10,85 milioni di copie vendute. Da diverse statistiche quasi il 50% dei giocatori di GT erano disposti ad acquistare solo auto presenti nel gioco. La PlayStation 2 vanta il record di consolle più venduta con oltre 158 Milioni di dispositivi venduti.
  4. Polygon Man era una testa completamente in 3D che serviva per capire la potenza della prima consolle PlayStation. Questa testa completamente viola non piacque per niente al CEO Sony e per questo motivo fu creato il famosissimo Crash Bandicot che divento subito famosissimo in poco tempo.
  5. Il designer dei loghi PlayStation impiegò moltissimo tempo per sviluppare il logo che noi conosciamo. Il logo infatti doveva contenere sia la P che la S e solo grazie a questa strategia, adesso quel logo è così tanto conosciuto