Dai videomaker agli YouTuber, chiunque si interessi di produzione video, è alla ricerca di un metodo per produrre contenuti di qualità.

Oggi vi parlerò della mia esperienza video e dei miei consigli per creare video, nel mio caso riguardanti prodotti tecnologici, super professionali!


Attrezzatura

Camera

Ok, gli smartphone fanno un buon lavoro e hanno camere davvero valide, ma sicuramente non daranno mai un risultato professionale. 

VEDI ANCHE: Reflex o Mirrorless, questo è il dilemma!

La scelta di una camera valida non è sempre semplice, nel mio caso ho optato per una Canon 700D, che scatta ottime foto (dato che la utilizzo principalmente per questo scopo) e registra ottimi video. Ho scelto una reflex per via dei numerosissimi accessori e obiettivi disponibili.

Microfono

Altro aspetto fondamentale dei video è l’audio. L’audio delle camere, sia DSLR che Mirrorless, è pessimo. Esistono molte alternative valide:

Il microfono lavalier è il classico microfono a pinza, da indossare, che consiglio caldamente per chi magari va in diretta o comunque registra video in ambienti rumorosi, quindi un microfono del genere riesce a catturare maggiormente l’audio

Il microfono ShotGun è il classico microfono da montare sopra la camera, personalmente possiedo sia il Rode VideoMic Rycote (alimentato con tantissime features) che normalmente lo utilizzo in studio come microfono ausiliario, e il Rode VideoMicro. Perché Rode? Beh è la migliore!

VEDI ANCHE: Rode VideoMic Rycote (UNBOXING & RECENSIONE)

Il microfono professionale esterno è un microfono xlr da collegare a sua volta ad un alimentatore phantom 48v che andiamo poi a collegare in camera (in modo da evitare dopo di dover sovrapporre la traccia audio al video. Consigliato? Beh io lo uso in studio come microfono da scrivania e mi son sempre trovato molto bene.

Set

Ovviamente per fare buoni video abbiamo bisogno anche di scenari e di una buona illuminazione. La luce naturale a volte non basta e vi garantisco che almeno un softbox, o led, è indispensabile per un videomaker. Io ad esempio utilizzo o due softbox o un softbox e un LED in modo da poter illuminare a pieno l’oggetto o me stesso in camera.

I fondali fotografici non sono indispensabili ma se cercate di creare effetti speciali tipo chromakey o altro, beh allora questi sono indispensabili. 

Per ricreare un set, consiglio caldamente di utilizzare magari una striscia led flessibile con qualche oggetto (es. scrivania con sopra un obiettivo Canon, iPad, Beats, MacBook, iPhone, …) in modo da avere uno sfondo carino e allo stesso tempo poter giocare con l’effetto bokeh.

Nei miei video che attrezzatura extra utilizzo:

Il treppiede a testa fluida è indispensabile nella realizzazione di video professionali dato che ci permette di creare i classici effetti di slide che risultano esser davvero piacevoli.

Lo slider consente di ampliare le possibilità di movimento, aggiungendo anche il movimento orizzontale. Indispensabile? SNI, sinceramente penso che nella maggior parte dei casi un treppiede a testa fluida è più che sufficiente.

Base Rotante, ottima per creare il classico effetto dove vediamo un oggetto che si muove compiendo movimenti circolatori, permettendo quindi all’utente di vedere a 360° il tutto. Consigliata? Si dai, personalmente la uso abbastanza e la trovo fondamentale nei video recensione.

Impostazioni Camera

Beh innanzitutto è consigliato avere un display rivolto verso di noi che ci permette di vedere in tempo reale ciò che la camera sta riprendendo. Questo  ci è molto utile anche nella realizzazione di giochi di autofocus e altro.

L’obiettivo quando realizzo video frontali, dove io sto dietro alla scrivania, lo imposto su Auto, in modo che possa controllare da solo la mia posizione (data anche la modalità tracking del soggetto attiva).

Normalmente quando io sto dietro una camera, quindi registro eventi esterni, imposto sempre l’obiettivo su Manuale in modo da gestire al massimo la messa a fuoco e in modo da creare particolari effetti, piacevoli alla vista.

E’ meglio la messa a fuoco manuale o automatica? Beh, manuale! Lo so è molto difficile da utilizzare ma molto spesso quella automatica non riconosce il soggetto quindi tende a esser fuori fuoco mentre con la manuale riusciamo sempre a calibrare molto bene la posizione del soggetto, creando magari anche effetti super professionali.

La camera poi la tengo sempre impostata sulla modalità M, ovvero manuale, in modo da poter controllare ISO e apertura del diaframma al massimo.