Apple e i dispositivi “SE”, ecco la storia!

Apple non ha iniziato solo quest’anno ad utilizzare SE nei propri dispositivi, ma già diversi anni fa. La parola SE indica Special Edition, ciò dona quindi a qualsiasi dispositivo un alone di prestigio, rispetto alla versione classica. iPhone SE dovrebbe fare quello che un’edizione speciale deve fare.

Guardiamo ora su che dispositivi Apple ha utilizzato SE:

Mac SESchermata-2016-03-11-alle-15.33.49

Marzo del 1987, questa versione era un modello potenziato del Macintosh Plus. La Special Edition riguardava l’esenzione del sistema, integrando sul retro un Processor Direct Slot insieme alle porte ethernet e di accelerazione, e sulla parte anteriore uno slot per aggiungere un ulteriore drive.

iMac SE

 

Schermata-2016-03-11-alle-15.37.33Anno 1999, questa versione SE portò la rimozione del vassoio estraibile sostituito da uno slot classier per il caricamento dei drive, fu introdotto il supporto alla tecnologia AirPort e veniva potenziato il sistema di raffreddamento. L’iMac SE era disponibile solo nel colore grafite e costava 200$ in più, data la RAM raddoppiata e il disco rigido di 13GB.

iBook SE

 

Schermata-2016-03-11-alle-15.39.29Introdotto al MacWorld di Tokyo nel 2000: disponibile in un unica colorazione (grafite), memoria RAM e spazio su disco rigido raddoppiati rispetto agli iBook base, processore G3 366MHz e DVD-ROM 6x.

iPod U3 Spcial Edition

 

Schermata-2016-03-11-alle-15.39.44Dedicato agli U2, questo iPod venne presentato in One More Thing nel 2004. Fu Steve Jobs a definirlo “l’unico iPod in edizione speciale nell’universo conosciuto“. A differenza degli altri iPod, era di colore nero e aveva una ghiera rossa. Sul logo Apple presente nel retro erano incise le quattro firme dei membri degli U2: Bono, Edge, Adam Clayton e Larry Mullen Jr.